Statuto

Aggiornato secondo quanto previsto dalla Legge regionale n. 16 del 15 Ottobre 2001“Nuova disciplina relativa all’Albo Regionale e alle attività delle Associazioni Pro Loco”.

(Delibera Assemblea dei soci in data 30 Giugno 2004, Atto registrato a Como il 13 Luglio 2004 al n. 4463).

Pro Loco Albiolo, Albiolo Via Indipendenza 13,

Associazione costituita in data 22 Luglio 1999 presso lo studio del Notaio Dr. Tomaso Bortoluzzi con atto n. 71311/6361 di repertorio.
registrato a Varese il 6 Agosto 1999
 n. 3761 Serie 1.

 

Art. 1

Nel Comune di Albiolo (Co) è costituita un’Associazione denominata PRO LOCO – ALBIOLO con sede in Via Indipendenza n. 13.

Art. 2

La PRO LOCO svolge la propria attività nel territorio del Comune di Albiolo. Può operare anche al di fuori del territorio comunale esclusivamente in presenza di progetti sovracomunali in accordo con le altre Associazioni Pro Loco.

Art. 3

La PRO LOCO ALBIOLO non ha scopo di lucro, si avvale prevalentemente delle prestazione volontarie e gratuite dei propri aderenti, svolge attività di volontariato e si propone di:

  • a) Riunire tutti coloro (enti, esercenti, privati in genere) che hanno interesse allo sviluppo turistico della località.
  • b) Svolgere fattiva opera per organizzare turisticamente le località, studiando il miglioramento edilizio e stradale delle zone suscettibili di essere visitate dai turisti, promuovendo l’abbellimento delle piazze e giardini, con piante e fiori, e l’apposizione di cartelli indicatori delle passeggiate.
  • c) Tutelare e porre in valore con assidua propaganda le bellezze naturali, artistiche e monumentali del luogo.
  • d) Promuovere e facilitare il movimento turistico rendendo il soggiorno piacevole, incoraggiando ed appoggiando il miglioramento dei servizi.
  • e) Promuovere il miglioramento dell’attrezzatura alberghiera e dei centri di ritrovo degli ospiti, vigilare che questi corrispondano agli scopi.
  • f) Promuovere festeggiamenti, fare fiere, convegni, spettacoli pubblici, gite, escursioni per attirare i turisti nella località e dare svago e diletto a quanti vi soggiornano per un periodo più o meno lungo.
  • g) Vigilare lo svolgimento dei servizi interessanti il turismo e le relative tariffe, proporre le opportune modifiche alle competenti autorità o direttamente alle società locali di autotrasporti.
  • h) Istituire l’Ufficio Informazioni Turistiche con o senza biglietteria, telefono pubblico, sala di scrittura e di attesa.
  • i) Coordinare le attività di tutte le Associazioni ed Enti albiolesi disponendo il calendario delle manifestazioni.
  • j) Tenere i rapporti con L’Amministrazione Comunale anche per conto delle Associazioni ed Enti albiolesi.

Per il raggiungimento dei propri scopi l’Associazione potrà organizzare occasionalmente, nei limiti consentiti dalla legge, raccolte pubbliche di fondi, in concomitanza di celebrazioni, ricorrenze o campagne di sensibilizzazione.

Art. 4

Le iscrizioni all’Associazione PRO LOCO ALBIOLO sono aperte a tutti i residenti del Comune ed inoltre a chiunque altro voglia collaborare ed operare per il raggiungimento delle finalità dei cui all’ Art. 3
I soci si distinguono in benemeritisostenitori ed ordinari.
Sono soci benemeriti le persone o gli enti che arrecano particolari benefici all’Associazione o che versano una quota annua non inferiore a Euro 50.
Sono soci sostenitori le persone che si impegnano a corrispondere una quota annuale non inferiore a Euro 13.
Sono soci ordinari coloro che versano un quota annua non inferiore a Euro 5.

Il Consiglio di Amministrazione potrà, se lo riterrà opportuno, stabilire un diverso ammontare delle quote suddette.
I soci hanno diritto:

  1. Alle pubblicazioni dell’Associazione.
  2. A frequentare i locali dell’Associazione.
  3. Alle eventuali facilitazioni previste in occasione di manifestazioni promosse ed organizzate dalla PRO LOCO ALBIOLO.

Gli associati, indipendentemente dalle categorie a cui appartengono, hanno parità di diritti, compreso quello di voto. La adesione alla Associazione è a tempo indeterminato e non può essere temporanea.
Gli associati sono tenuti al pagamento della quota associativa, differenziata secondo le categorie descritte, da versarsi entro il 30 Giugno di ogni anno.
Le quote versate non sono in alcun modo ripetibili, né in caso di scioglimento del singolo rapporto associativo, né in caso di scioglimento dell’Associazione, né sono trasmissibili se non nel caso di successione per causa di morte. Non sono rivalutabili.

Art. 5

La qualità di associato si perde per morte, per recesso da comunicarsi per iscritto al Consiglio Direttivo e per esclusione deliberata dal Consiglio Direttivo in caso di:

  • a) Cessazione alla partecipazione alla vita associativa, negligenza nell’esecuzione dei compiti affidati o mancato pagamento delle quote associative per oltre un anno.
  • b) Violazione delle norme etiche o statutarie.
  • c) Interdizione, inabilitazione o condanna dell’associato per reati comuni in genere, ad eccezione di quelli di natura colposa.
  • d) Condotta contraria alla leggi ed all’ordine pubblico.

L’apertura di qualsiasi provvedimento per i casi suddetti deve essere comunicata all’interessato con lettera raccomandata.
L’associato colpito da provvemento di esclusione ha diritto di ricorso al Collegio dei Probiviri.
La riammissione può essere chiesta solo dopo che siano venute a cessare le cause che l’hanno determinata.

Art. 6

Organi della PRO LOCO ALBIOLO sono:

  • a) L’assemblea dei Soci
  • b) Il Presidente.
  • c) Il Consiglio di Amministrazione.
  • d) Il Segretario – Cassiere.
  • e) Il Collegio dei Probiviri

Art. 7

L’Assemblea, organo sovrano dell’Associazione,rappresenta l’universalità degli associati e le sue deliberazioni, prese in conformità della legge e del presente Statuto, vincolano tutti gli associati anche se assenti o dissenzienti.
L’Assemblea dei soci nomina il Consiglio di Amministrazione che elegge un Presidente, due Vice Presidenti, un Segretario – Cassiere.
L’Assemblea è convocata dal presidente mediante avviso affisso all’esterno della sede dell’Associazione almeno 15 giorni prima della data fissata ed almeno un mese prima della scadenza del Consiglio di Amministrazione uscente, ed inoltre:

  • a) Ogniqualvolta ne facciano richiesta scritta al Presidente almeno un terzo degli iscritti.
  • a) Ogniqualvolta il Presidente lo ritenga opportuno.

In sede di Assemblea i soci possono avanzare proposte che ritengono utili al conseguimento degli scopi sociali. Le proposte devono risultare dall’apposito verbale redatto a cura del Segretario e sottoscritto dal Presidente.
Per la validità delle riunioni dell’Assemblea è prevista la presenza della metà dei soci in regola con il versamento delle quote sociali. Le deliberazioni sono assunte a maggioranza semplice dei presenti.
In seconda convocazione, da fissarsi con almeno un giorno di distanza dalla prima, l’Assemblea è validamente costituita qualunque sia il numero dei soci intervenuti.
Per le deliberazioni concernenti lo scioglimento dell’Associazione e la devoluzione del patrimonio occorre il voto favorevole dei tre quarti degli aventi diritto al voto.
Per le deliberazioni aventi per oggetto le modifiche statutarie è necessario il voto favorevole dei due terzi dei presenti.

Art. 8

Ogni socio maggiorenne, quale che sia la categoria cui appartiene, ha diritto di voto per l’approvazione e le modifiche dello Statuto e dei regolamenti e per la nomina degli organi direttivi dell’Associazione.
Nell’Assemblea ogni associato ha diritto ad un voto. I soci assenti possono essere rappresentati per delega scritta da un altro socio. Ogni socio non può rappresentare più di tre iscritti. Hanno diritto di voto coloro che sono in regola con il versamento della quota associativa per l’esercizio in corso. Non sono ammessi voti per corrispondenza.

Art. 9

L’Assemblea in seduta ordinaria per l’approvazione del bilancio consuntivo e preventivo è convocata entro il 30 Giugno di ogni anno.
Dalla data dell’avviso di convocazione, bilancio e programma verranno depositati presso la sede dell’Associazione a disposizione degli associati che intendessero consultarli.
L’esercizio sociale si apre il 1 Gennaio e si chiude il 31 Dicembre di ogni anno.
Nelle deliberazioni che riguardano la loro responsabilità i Consiglieri non hanno diritto di voto.

Art. 10

Il Presidente rappresenta legalmente la PRO LOCO ALBIOLO di fronte a terzi ed in giudizio.
Al Presidente compete, sulla base delle direttive emanate dall’Assemblea e dal Consiglio di Amministrazione, l’ordinaria amministrazione dell’Associazione.

Il Presidente convoca e presiede l’Assemblea ed il Consiglio di amministrazione e ne cura l’esecuzione delle relative deliberazioni.
Il Vice Presidente sostituisce il Presidente in caso di assenza o di legittimo impedimento e ne esercitano le funzioni.

Art. 11

Il Consiglio di Amministrazione amministra la associazione PRO LOCO ALBIOLO, è composto:

  • a) dal Presidente
  • b) da altri dieci membri eletti dall’Assemblea dei soci

Il Presidente ed i componenti del Consiglio di amministrazione durano in carica quattro anni e sono rieleggibili.
L’ufficio di consigliere è gratuito, salvo eventuali rimborsi per le spese sostenute ed autorizzate dal Consiglio di Amministrazione.
Il Consiglio di Amministrazione è validamente riunito con la presenza di almeno la metà dei suoi componenti. Per la validità delle deliberazioni del Consiglio Direttivo è prevista la maggioranza semplice. Il voto del Presidente prevale in caso di parità. Le sedute del Consiglio di Amministrazione sono pubbliche e chiunque vi può assistere, anche i non soci, senza diritto di intervento.
Delle deliberazioni del Consiglio Amministrazione si redige processo verbale firmato dal Presidente e dal Segretario.
E’ fatto obbligo ai Consiglieri di partecipare alle riunioni del Consiglio di Amministrazione. Qualora un Consigliere non partecipasse a tre riunioni consecutive senza giustificato motivo è considerato dimissionario.
Qualora venissero a mancare uno o più Consiglieri il Consiglio Direttivo provvede a sostituirli cooptando i relativi sostituti. I Consiglieri così nominati restano in carica fino alla scadenza del Consiglio che li ha eletti.
Il Consiglio di Amministrazione si riunisce possibilmente una volta al mese e comunque ogni qualvolta il Presidente lo ritenga necessario o quando lo richieda almeno un terzo dei componenti del Consiglio stesso.

Art. 12

Il Consiglio di Amministrazione è investito dei più ampi poteri per la gestione ordinaria e straordinaria dell’Associazione, compresi fra gli altri quelli di:

  • a) Assicurare il conseguimento degli scopi dell’Associazione.
  • b) Deliberare sull’ammissione di nuovi associati ed adottare i provvedimenti di esclusione.
  • c) Redigere i bilanci preventivo e consuntivo.
  • d) Emanare regolamenti e norme per l’organizzazione ed il funzionamento dell’Associazione.
  • e) Acquistare ed alienare beni mobili ed immobili, accettare eredità e legati, determinare l’impiego dei contributi delle erogazioni e dei mezzi finanziari a disposizione dell’Associazione.
  • f) Stabilire l’ammontare delle quote associative.
  • g) Sottoporre all’Assemblea dopo appropriata disamina, proposte, segnalazioni, mozioni formulate dagli associati e le modifiche dello Statuto.
  • h) Deliberare su qualsiasi questione che non sia dal presente Statuto espressamente demandata all’Assemblea o ad altri organi.

Art. 13

I proventi con i quali la PRO LOCO ALBIOLO provvede alla propria attività sono:

  1. Le quote dei soci.
  2. Gli eventuali contributi di enti pubblici o privati.
  3. I contributi e gli aiuti finanziari di enti operanti nel settore turistico.
  4. Le eventuali donazioni ed i legati.

I proventi di gestione o iniziative permanenti od occasionali.

Art. 14

Il Segretario – Cassiere assiste il Consiglio di Amministrazione e l’Assemblea, redige i verbali delle relative riunioni, assicura l’esecuzione delle deliberazioni del Presidente e provvede al normale funzionamento degli uffici.

Art. 15

Il Presidente ed il Segretario – Cassiere sono responsabili della tenuta dei registri, dai quali risulta la gestione contabile dell’Associazione.

Art. 16

Il Collegio dei Probiviri è composto di tre membri eletti, a votazione segreta, dall’Assemblea dei Soci.
I Probiviri hanno il compito di controllare il rispetto delle norme statutarie e di giudicare nel caso di controversia fra i soci.
Il Collegio dei Probiviri può segnalare le controversie che non è in grado di decidere al Collegio dei Probiviri del Comitato Regionale U.N.P.L.I., ai sensi delle norme dello Statuto Regionale U.N.P.L.I.
I Probiviri durano in carica quattro anni e non decadono in caso di decadenza del Consiglio Direttivo; essi sono rieleggibili.

Art. 17

Lo scioglimento della PRO LOCO ALBIOLO deve essere pronunciato dall’Assemblea dei soci con le modalità previste dall‘Art. 7 dello Statuto.
Nel caso di impossibilità di regolare costituzione dell’Assemblea ciascuno dei membri del Consiglio Direttivo o dei soci potrà chiedere all’autorità competente la nomina del o dei liquidatori.
Quanto residuerà, esaurita la liquidazione verrà devoluto ad altra associazione con finalità analoghe o a fini di pubblica utilità scelti dai liquidatori, ovvero alla Civica Amministrazione Comunale.

Art. 18

E’ vietata la distribuzione, anche in modo indiretto, di utili o avanzi di gestione, nonché di fondi, riserve o capitale durante la vita dell’Associazione, salvo che la destinazione o la distribuzione siano imposte dalla legge.